Smaltimento Batterie Litio

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) sta studiando un processo moderno, che porterà un’innovazione nella vita delle batterie esauste, trattandole e recuperandole. L’obiettivo del CNR è quello di riciclare qualsiasi tipo di metallo, riducendo nettamente i costi e l’impatto ambientale.

Come recuperare le batterie al litio esauste?

Questa domanda è stata posta molte volte, poiché presto aumenterà l’utilizzo di dispositivi di accumulo elettrochimico, come le automobili elettriche o le reti elettriche delle case. Quindi è stata approfondita la sfida: riuso contro riciclo delle batterie ricaricabili delle auto elettriche, che ormai stanno prendendo piede anche in Italia. È stato domandato al direttore del CNR-ICCOM di Firenze quali sono i vantaggi e gli svantaggi delle due tipologie di scontro, e se potrà nascere una filiera nazionale con un particolare impatto sul costo futuro dei dispositivi.

Come si estende la vita delle batterie al litio?

Smaltimento Batterie LitioPer utilizzare ancora le batterie una volta finito il suo ciclo di vita, si devono individuare quali celle hanno ancora una carica residua discreta, in modo tale da creare dei sistemi capaci di immagazzinare l’energia del vento o solare. Questo particolare processo viene utilizzato solo nel caso in cui sono presenti batterie per autotrazione, in quanto presentano peculiari caratteristiche che le rendono perfette per l’immagazzinamento dell’energia. Anche dopo questo ulteriore utilizzo, ci saranno lo stesso delle attrezzature finite da smaltire.

Vedi Anche  Riciclo Carta

Cos’è il riciclo batterie?

Tramite il riciclo è possibile recuperare la maggior parte dei metalli presenti nelle batteria, senza distinzione tra quelli attivi o quelli passivi. Un importante metallo contenuto in ingenti quantità è il cobalto, rappresentando il 30-40% del peso totale di una batteria. Oltre al litio che verrà recuperato, che grava poco sul costo del dispositivo, il recupero del cobalto è molto importante poiché molto costoso, raggiungendo i 22$ al kg, ma soprattutto poco presente in natura e quindi fondamentale per il funzionamento di questa tecnologia. Una soluzione alternativa potreste trovarsi nell’utilizzo delle batterie al litio-ferro-fosfato, così da eliminare il cobalto, il problema principale è che queste batterie hanno delle prestazioni nettamente inferiore.

Ci saranno problemi, come la mancanza di litio?

Smaltimento Batterie LitioAd oggi la produzione annuale del litio si aggira intorno alle 35.000 tonnellate, con 18 milioni di tonnellate disponibili ancora sul pianeta. Quindi al giorno d’oggi la quantità è tale da bastare per altri secoli, ma se l’auto elettrica prenderà piede nel mondo questa scorta potrebbe terminare rapidamente. Una batteria da 40 kW possiede più o meno 6 kg di litio, infatti la proporzione è 0,18 kg di litio ogni kW. Aumentando il numero di batterie in circolazione, infatti, in pochi decenni il litio potrebbe terminare.

Quale sarà la seconda vita delle batterie?

Il Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo (Cobat) insieme al CNR stanno lavorando per aggiornare e creare un procedimento innovativo per riciclare. Al momento è trapelata la notizia che le due società abbiano scoperto un modo quasi gratuito per assicurare le batterie al litio. Questo sarebbe la base per poter riciclare più accuratamente e in modo selettivo gli elementi. Al giorno d’oggi le industrie di recupero a Roma, per trattare le batterie esauste, scaricano completamente queste batterie mediante l’immersione in soluzioni saline, creando una dispersione aerea di idrogeno e cloro. Il cloro è altamente dannoso per la salute, l’idrogeno invece è estremamente infiammabile.

Vedi Anche  Smaltimento e Recupero Metalli

Calo dei costi con le nuove tecniche

Riciclare è molto costoso, infatti il prezzo può partire da 4.000 e arrivare a 6.000 euro per una quantità pari ad una tonnellata di batterie esauste. Quindi riciclare non è economico per le proprie tasche ma fondamentale per la salvezza del pianeta. L’obiettivo è ridurre notevolmente i costi, se si raggiungesse la soglia dei 1.000 euro sarebbe fantastico, partendo dal fatto che il litio grezzo puro al 99,5% e pari a quasi 8.000$ tonnellata.